Benvenuti nel nostro sito!

Nea Moni

Il monastero di Nea Moni e’ a circa 12 km dal centro di Chios e a 4 km dal villaggio di Avgonyma. E’ il monumento bizantino più importante di Chios e uno dei più importanti della Grecia.


Fu costruito nel 1402 D.C. dopo la donazione dell’imperatore di Costantinopoli, Costantino IX Monomachos. Secondo la tradizione l’imperatore inviò degli artigiani da Costantinopoli per costruire il monastero per esaudire le promesse che aveva fatto ai monaci Nikitas, Ioannes e Iosif perché gli avevano predetto che sarebbe tornato al trono dopo il suo esilio a Lesbo.


I mosaici di Nea Moni rappresentano una delle tre principali creazioni di arte nel Medioevo in Grecia.


Gli esempi dell’arte di Costantinopoli si distinsero sin da quando gli artisti mandati dall’imperatore stesso e che lavoravano al monastero, portarono con sé la loro tecnica unica, che era simile a quella di decorazione del palazzo imperiale. Per molti secoli fu il centro religioso più importante dell’isola. E’ stato ripetutamente sottoposto a gravi danni durante il massacro di Chios nel 1822 quando migliaia di donne e bambini perseguitati dai Turchi si rifugiarono nel monastero dove furono massacrati. Inoltre il terremoto che devastò l’isola nel 1881 distrusse la volta dell’arco del santuario e anche molti mosaici.


Nella navata la rappresentazione conservata meglio e’ il Battesimo, che insieme alla Crocefissione e alla Resurrezione rappresenta un capolavoro. Ci sono anche la Metamorfosi e la Resurrezione di Cristo, mentre solo due dei quattro evangelisti, Ioannes e Marco, sono stati salvati.


La celebrazione del monastero si svolge il 23 agosto. Grazie alla sua monumentale importanza in termini di arte storica e architettura e’ stato incluso tra i monumenti patrimonio internazionale della cultura dell’Unesco.